Buongiorno, approfitto per illustrare il mio contributo al congresso, ritengo che il solo e puro volontariato non sia più sufficente, bisognerebbe creare una sorta di agenzia turistica cui fare riferimento, magari a livello regionale. che consenta di organizzare più professionalmente alcune iniziative con molti partecipanti. Non è più sostenibile che l'accompagnatore faccia i pagamenti di cifre importanti con il proprio C/C e non il CAI quale associazione, ora con la tracciabilità dai 1000,00€ in poi non è consigliato, inoltre una organizzazione corretta potrebbe dare alle casse CAI un contributo possibile ed interessante. Grazie Scalambra Mauro